E passatore sia!

100km del Passatore 2019 #roadtopassatore #passatore2019

Non mi sono ancora iscritto, ma ormai la decisione è presa.

Quest’anno sarò nuovamente al via della 100km del Passatore!!!

Il ritiro dello scorso anno non l’ho proprio digerito. La preparazione approssimativa, i pochi km totali ma moltissimi nell’ultimo mese e la mancanza di gare hanno fatto si che mi presentassi alla partenza in una condizione di forma pietosa. Dopo Fiesole mi era già passata la voglia.

Dopo il traguardo di Borgo San Lorenzo mi sono detto “massì, proviamoci”, a Ronta non ne avevo più. La voglia di correre era sparita, ma non potevo abbandonare lì, non potevo rinunciare alla medaglia e comunque avrei dovuto raggiungere in qualsiasi caso la colla per riuscire a salire sul bus che mi avrebbe riportato a Faenza.

Alla fine è stata una lunga interminabile camminata (1h50′ per gli ultimi 10,5km!!!) che mi ha lasciato un vuoto da riempire.

Così, dopo un Gennaio con 160 km e una prima decade di Febbraio con altri 80 ho deciso che dovevo colmare quel vuoto. Devo riuscire nuovamente ad arrivare a Faenza.

L’obbiettivo è ambizioso ma se ce l’ho fatta nel 2015 devo riuscirci anche nel 2019. E magari dovrei anche riuscire a migliora un po’ le mie 11h42’57”.

La voglia c’è e la costanza negli allenamenti sta tornando; se nel 2015 al 10/02 avevo corso appena 140km, quest’anno ne ho già 100 in più nelle gambe. Purtroppo il periodo economico mi impone il rigore assoluto nelle spese extra e sarò così costretto a rinunciare ad un elemento fondamentale, il mio allenatore.

Luc riusci a portarmi al traguardo con appena 4 mesi di preparazione (gennaio non corsi quasi niente a causa dell’intervento alle tonsille), tra febbraio e marzo feci quasi 490km e ad aprile cominciarono le gare.

Esordì a Russi, nella Maratona del Lamone, abbassando il mio PB di 20′, alla 50 km di Romagna mi migliorai addirittura di 23′ (qui) e feci quella che forse è ancora la mia miglior gara in assoluto.

Arrivai alla partenza a Firenze in una condizione di forma strepitosa, corsi in totale tranquillità fino a San Cassiano poi arrivò una crisi che si risolse solo a Brisighella dove ormai si sentiva odore di traguardo. Alle 2.41 del mattino ero in piazza a Faenza, il cronometro segnava 11h42’57” (qui)

La classifica dice 388° su 1892 arrivati, non male. Ricordo ancora la gioia provata nel tagliare il traguardo…

Quella stessa gioia voglio riprovarla quest’anno.

100km del Passatore sto arrivando!!!